THC – Rimosso dalle tabelle delle sostanze stupefacenti | Legalizzazione?

Sogno o Realtà?
Durante la giornata del 2 dicembre 2020, la Commission on Narcotic Drugs dell’ONU ha tenuto una votazione riguardo l’attuale politica sulle droghe.
Dei 53 stati partecipanti, circa la metà si è espressa a favore e tra questi possiamo trovare l’Italia.
Grazie a questa splendida vittoria, la Cannabis è stata riconosciuta come sostanza medicinale, trovandosi rimossa dalla Tabella IV della Convezione Unica sugli stupefacenti stillata nel 1961.
In questa famiglia rientrano tutte quelle sostanze potenzialmente pericolose a discapito di un valore terapeutico ridotto o, talvolta, inesistente.

Ma a chi si deve la riconoscenza per aver spinto a questa decisione? l’organo da ringrazia è L’OMS, difatti l’organizzazione mondiale per la sanità ha raccomandato all’Onu di valutare e approvare le proprietà medicinali della cannabis. Sfortunatamente ci sono voluti 2 anni per arrivare ad una votazione favorevole, ritardo causato da una pressione importante degli stati che si astenevano e da quelli che favorivano il proibizionismo.

Gli esperti nel settore esprimono la loro opinione, valutando questa votazione come un piccolo passo che richiederà del tempo per manifestare dei veri cambiamenti positivi. Aggiungono che rimane un momento storico per la cannabis che, dopo oltre mezzo secolo, riesce finalmente a farsi depennare dalla tabella nella quale è stata ingiustamente inserita. 

Che sia questo un piccolo passo per la legalizzazione effettiva della cannabis? per adesso, questa rimane anche nella Tabella I.
Noi di Weed Therapy SRLS vi terremo aggiornati sulle novità provenienti da Vienna, sperando in una decisione giusta e ponderata.

#KeepOnGrowing
#HappyTherapyExperience

ARTICOLI CORRELATI:

Rispondi

it_IT
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: