Commercio E Legalità – La Corte Di Giustizia Garantisce La Libertà del CBD

La Corte Di Giustizia Libera Il Commercio del CBD

Grandi notizie arrivano dalla Corte Di Giustizia Europea che si esprime a favore del commercio del CBD! Noi di Weed Therapy abbiamo deciso di riassumere l’articolo per renderlo piu’ semplice.

Il giorno 19 Novembre 2020, la Corte si è espressa a favore di due commercianti residenti in Repubblica Ceca, ai quali era stato vietato di esercitare la loro attività in Francia, ovvero commerciare prodotti contenenti la molecola del CBD.
Eppure questi prodotti rispettavano la regolarità delle normative Europee, quindi da cosa può essere stato scaturito questo divieto?
I motivi dietro questa decisione non sono ancora stati spiegati.

Dopo un ricorso alla commissione Europea, la Corte Di Giustizia si è espressa dichiarando che, in base alla conoscenza attuale della molecola che non risulta avere effetti psicoattivi, il commercio del CBD non può essere vietato tra i paesi membri dell’UE.

Per riportare la dicitura del testo:
“Uno stato membro non può vietare la commercializzazione del CBD legalmente prodotto in un altro stato membro quando viene estratto dalla pianta di cannabis light (compresi i fiori).”

La Corte ha inoltre riconosciuto che la Francia è tenuta a dimostrare la pericolosità del sopracitato principio rispetto a stupefacenti simili.
Tuttavia, il Giudice nazionale deve valutare la reale pericolosità legala al CBD, dimostrando con dati scientifici come questo possa influire negativamente sulla salute delle persone, e non su base ipotetica.

Questo è un motivo di speranza anche per L’italia, la quale potrebbe essere spronata a rivalutare la legislatura inerente la Cannabis e i prodotti contenenti il CBD.

Di seguito il collegamento all’articolo originale:
Sentenza N.141 del 19 novembre 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_IT